Valle dei templi per tutta la famiglia: passeggiata archeologica e naturalistica

Valle dei templi per tutta la famiglia: passeggiata archeologica e naturalistica
Blog In Evidenza itinerari

articolo di Laura Danile (archeologa e guida turistica, Agrigento Family Tour)

La Valle dei Templi di Agrigento è un luogo magico che racchiude 2500 anni di storia e consente di vivere un’esperienza indimenticabile tra natura e cultura.

Natura

Colpiscono innanzi tutto i suoi colori: l’azzurro del mare africano e del cielo che contrasta con il giallo della pietra utilizzata per la costruzione dei templi Greci. La vallata coperta da mandorli, ulivi secolari, pistacchi, agavi giganti, melograni, fichi d’india, acanto, ginestre e molto altro ha sempre colori diversi a seconda delle stagioni. Tra la fine di gennaio e gli inizi di febbraio i mandorli in fiore contribuiscono a dare una atmosfera da fiaba. La mattina presto o la sera tardi è possibile anche vedere qualche coniglietto selvatico correre tra gli alberi alla ricerca di un riparo e non è raro vedere degli uccellini sui rami o pecore al pascolo. Ospiti d’eccezione dell’area archeologica sono cinque capre girgentane che con le loro corna attorcigliate ricordano animali fantastici.

Ciascuno di questi elementi è uno spunto per il racconto di un mito o di una storia.

Storia

Di storie nella valle dei templi ce ne sono tante e la passeggiata stimola la curiosità di conoscere chi ha costruito quegli edifici maestosi, come e perché. Chi li ha distrutti, chi viveva in questi luoghi e la guida di un archeologo può essere utile per trovare una risposta a tutte queste domande e a molte altre. Un tour creato su misura per le esigenze di tutta la famiglia è possibile grazie ad Agrigento Family Tour che offre questo servizio personalizzato.

Consigli

Iniziare la visita dal Tempio di Hera/Giunone, la moglie di Zeus e divinità protettrice dei matrimoni e delle gravidanze, in modo che il percorso sia in discesa. Ammirare dal punto più alto della collina dei templi il panorama fuori dalle mura della città antica, verso Sud, e l’area della città fino al colle di Girgenti, verso Nord. Proseguire lungo la via sacra fino al Tempio della Concordia, ancora in piedi dopo tutti questi secoli perché trasformato in chiesa dai Cristiani e poi raggiungere il Tempio di Ercole.Oltrepassare la passerella per visitare il Tempio di Zeus, il tempio più grande di tutto l’occidente, caratterizzato dalla presenza di statue di giganti che affascinano grandi e piccini per le loro dimensioni enormi. Si può terminare la visita qui oppure proseguire fino al santuario delle divinità ctonie per affacciarsi sul giardino della Kolymbetra che con i suoi alberi di agrumi è un altro paradiso.

Il percorso è adatto ai passeggini e c’è una caffetteria per una sosta all’ombra che ha anche il fasciatoio nel bagno.

Evitare i periodi più caldi e le ore centrali della giornata in estate. Utilizzare un taxi o una navetta per tornare indietro (soprattutto quando fa molto caldo).

Scarpe comode e molta acqua.

Possibile completare l’itinerario visitando anche il Museo Archeologico che contiene tanti oggetti legati alla vita quotidiana dei Greci e dei Romani che hanno abitato questi luoghi e offre interessanti spunti di riflessione e una miriade di percorsi tematici.

Pronti per un viaggio nel tempo? Buon divertimento!

Laura Danile (archeologa e guida turistica, Agrigento Family Tour)