Passeggiata nella Valle d’Anapo

Passeggiata nella Valle d’Anapo
Blog In Evidenza itinerari

La primavera è il momento migliore dell’anno per andare alla scoperta delle bellezze naturalistiche della nostra bella isola: non fa troppo caldo, la natura è rigogliosa e lunghe passeggiate nel verde sono piacevoli occasioni per trascorrere del tempo all’aria aperta con i nostri bambini.

Una meta che suggerisco (anche ai più pigri!) è la Riserva Naturale della Valle dell’Anapo. L’area naturalistica conta sette sentieri percorribili da due direzioni sia a valle sia a monte dal fiume Anapo: necropoli, caverne, scorci lungo il torrente Calcinara, in uno scenario ricco di scorci suggestivi e avventurosi. Il percorso più semplice è quello lungo la vecchia linea ferroviaria che si snoda lungo il percorso del fiume, offrendo in diversi punti la possibilità di raggiungere gli specchi d’acqua limpida. L’ingresso, ben segnalato, è quello lungo la SP 54 che da Sortino scende a valle. Il sentiero è battuto e percorribile facilmente anche con i passeggini. Per i più piccoli, la pista battuta e i piccoli sentieri che raggiungono il fiume sono ideali per fare un pieno di natura e avventura! Unico  suggerimento: non arrivate tardi perché i posti auto, lungo la stretta stradina di accesso, non sono molti.

sentiero valle d’Anapo

I miei figli si sono divertiti moltissimo ad attraversare le gallerie realizzate nella roccia della montagna, soprattutto perché, nei punti in cui sono più buie, hanno avuto l’occasione perfetta per utilizzare uno strumento immancabile del loro kit esploratore, importantissimo per ogni escursione che si rispetti: la torcia!

sentiero valle d’Anapo

Dopo circa 2 km dall’imbocco del sentiero, subito prima di un ponte, si trova una piccola area pic nic con due tavoli in pietra, oppure subito dopo lo stesso ponte si può raggiungere una piccola spiaggia di ciottolini molto suggestiva. Noi ci siamo fermati qui, sulla riva di un laghetto proprio sotto un costone di roccia calcarea a strapiombo sull’acqua.

Questi specchi d’acqua offrono ai bambini l’occasione per giocare con i sassolini e osservare i girini che nuotano, è dunque impossibile pensare che non si bagnino. Piuttosto che preoccuparsi di ritrovarli inzuppati meglio lasciarli giocare liberamente e tenere un cambio nello zainetto!

 

Da questo punto è possibile proseguire sino all’imbocco del sentiero che porta alla necropoli rupestre di Pantalica, consigliata per bambini sopra i 6 anni. Questa passeggiata, alla scoperta di uno dei siti archeologici più importanti d’Europa, patrimonio Unesco, è un po’ più impegnativa e noi ce la siamo riservata per un’altra giornata all’aria aperta. Ne abbiamo, però, avuto un piccolo assaggio anche lungo il percorso che abbiamo fatto.

Dopo questa bella passeggiata immersi nella natura abbiamo voluto fare una pausa golosa con passeggiata culturale nella bellissima cittadina barocca di Palazzolo Acreide, poco distante dalla Riserva. Qui il gelato dell’Antica Pasticceria Corsino è stata la perfetta conclusione di una bellissima giornata alla scoperta delle bellezze naturalistiche e culturali della nostra Sicilia!

Palazzolo Acreide

Palazzolo Acreide

Buona gita a tutti!