Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

La curiosità e la scoperta attraverso gli errori

La curiosità e la scoperta attraverso gli errori
Blog Eventi Tempo libero

kinect box

Si può dare la mano all’acqua? La plastilina immersa nell’acqua affonda sempre ? I palloncini si possono gonfiare solo con aria? Ecco alcune semplici domande di fisica alle quali sono chiamati a rispondere i bambini che partecipano al laboratorio che si svolge alla fine della visita guidata della mostra Balle di Scienza, attualmente in corso a Città della Scienza.

Città della Scienza è una bellissima struttura di proprietà dell’Università di Catania che si trova in via Simeto angolo viale Libertà. Fino al 29 maggio 2016 ospiterà al suo interno una mostra a cura dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e promossa dall’Università di Catania.

La mostra racconta abbagli, bufale ed errori che hanno popolato (e popolano) la strada che l’uomo ha percorso per conoscere e interpretare l’Universo: grandi scoperte – fatte qualche volta anche per caso – si intrecciano con clamorose sviste. Da quelle più note come la iniziale convinzione di Galileo che la Terra fosse piatta a quelle meno note come il ritrovamento nella Sicilia della Magna Grecia di un fossile di elefantino nano che per via di un foro nella zona occipitale del cranio venne associato all’esistenza dei Ciclopi. L’allestimento della mostra rappresenta l’occasione per incrementare azioni di divulgazione scientifica nel territorio e per favorire una maggiore consapevolezza sull’importanza del metodo scientifico e sul significato della ricerca.

Il percorso espositivo si sviluppa in 10 sale nelle quali si ripercorrono le varie fasi della conoscenza del mondo che ci circonda, attraverso errori o false ipotesi e il superamento di essi.

Durante la visita guidata, a cui hanno già partecipato più di un migliaio di persone (e il numero di visitatori cresce giorno dopo giorno) i bambini vengono invitati ad usare alcuni strumenti come quello per creare l’elisir di lunga vita dalla miscela dei quattro elementi e interagire con alcune installazioni come quella dentro la casetta delle onde gravitazionali. Sotto un planetario possono poi, attraverso l’uso di un touch screen, cambiare il punto di vista nell’osservazione del sistema solare. L’installazione più divertente per tutti è nella stanza dove alcune Kinect box rilevano i movimenti dei corpi presenti e li restituiscono proiettati su una parete multicolori, i bambini non resistono alla tentazione di saltare e ballare creando una giostra di colori!

Consiglio vivamente la visita guidata alle famiglie con bambini/ragazzi perché ne facilita la fruizione, anche se il percorso è ricco comunque di strumenti interattivi che spiegano alcune delle installazioni.
I laboratori vengono attivati per gruppi di minimo 10 bambini/ragazzi, Kids Trip offre un servizio di prenotazione per i singoli interessati così da essere inseriti in gruppi (di età omogenea) e poter partecipare anche a questa divertente esperienza. Per prenotare la visita guidata e il laboratorio  potete scrivere a info@kidstrip.it.

 

elisir

 

marte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati